Quando a Valle cantavano Mina e il Molleggiato

«Il nostro risotto è apprezzato da quando mia madre Giuseppina lo cucinava per Nilla Pizzi al termine dei suoi concerti». Nel 2009 a Valle Lomellina Franco Marucchi ha inaugurato l’agriturismo “Il Cinema” di contrada della Valle in un luogo noto da più di mezzo secolo in paese e in Lomellina: il cinema Marucchi, che dal 1948 al 1975 funzionò come teatro di avanspettacolo, balera e cinematografo.

cinema
L’ex cinema Marucchi, oggi agriturismo

L’edificio che oggi ospita l’agriturismo, affiancato all’azienda agricola che produce e trasforma riso, fu costruito da Luigi Marucchi e Giuseppina Pagetti. «I miei genitori – ricorda Franco Marucchi – s’insediarono nell’area di proprietà dei marchesi Medici del Vascello, smantellando la vecchia ghiacciaia per la conservazione dei cibi, per costruire il cinema-teatro: nel 1948 il primo spettacolo si tenne sotto il cielo stellato perché il tetto non era terminato». Negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso a Valle Lomellina arrivano i più celebri nomi della musica italiana: da Nilla Pizzi, amante del risotto dei Marucchi, a Cinico Angelini, il direttore dell’orchestra Rai originario di Crescentino, al di là del Sesia, e di casa in Lomellina. «Una volta – ricorda Marucchi – con Angelini arrivò un giovane elettricista, il milanese Giorgio Guidi, che sarebbe diventato famoso con il nome di Johnny Dorelli. Erano gli anni d’oro del nostro cinema-teatro: qui da noi si esibirono Mina, che si faceva chiamare Baby Gate, e Adriano Celentano, che salì sui gabbioni del luna park imitando uno scimpanzé. Poi c’era Fred Buscaglione: mi ricordo che il 25 maggio 1959 arrivò in paese guidando una Cadillac rosa. Quella sera bevve diverse bottiglie di whisky: io, ancora un bambino, gli recuperai l’ultima disponibile in paese all’albergo Italia».

Celentano
Adriano Celentano, il Molleggiato

Oggi la famiglia Marucchi ripropone l’ex cinema nella duplice funzione di agriturismo, il cui piatto forte dell’agriturismo è il risotto con fagiolini dell’occhio e lugàniga, e di rassegna cinematografica dell’epoca con esposizione permanente delle strumentazioni cinematografiche: macchina per la proiezione, microfoni e impianti di amplificazione, bobine cinematografiche, pellicole e attrezzatura di riavvolgimento, poltroncine in velluto rosso a ribalta e locandine pubblicitarie dei film del cinema italiano e internazionale. «Questo è l’arredo che abbiamo voluto mantenere per consentire alle moderne generazioni di fare un tuffo nel passato attraverso il nostro piccolo Museo del cinema», spiegano Franco e il figlio Andrea Marucchi.

interno
L’interno dell’agriturismo, con il palcoscenico originale

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: